domenica 19 febbraio 2017

2/19/2017 11:01:00 AM 0

"Andiamo al cinema?" #77 (50SfumatureDiNero)

Ebbene sì, sono andata a vedere "Cinquanta sfumature di nero". A San Valentino, per di più :)
Non faccio parte, però, di quel gruppo di scalmanate che, dopo aver letto il romanzo e aver conosciuto il Sig. Grigio, vorrebbero essere frustate/legate/bendate dal proprio uomo... ho letto il primo romanzo e posso dire, con assoluta sincerità, che la storia potrebbe anche non essere male, probabilmente è anche originale e ha fatto da "apri pista" al genere letterario qui in madrepatria, ma la sig.ra E. L. James scrive davvero male, è pessima nelle descrizioni, sopratutto di quelle parti "spinte" in cui non ha sensibilità. 
Eppure, chi ha letto tutta la trilogia, mi ha confermato che andando avanti nella lettura la parte osè (chiamiamola così) lascia lo spazio alla psicologia del personaggio, sopratutto del protagonista maschile, ma non è abbastanza per farmi acquistare e leggere anche il Nero e il Rosso, quindi...
ho dato una possibilità ai film.
Sono una ragazza curiosa e, nonostante non approvi questo "avoir des relations sexuelles", sono andata a vedere entrambi i film - cliccando qui trovate la mia recensione di "...grigio" che risale ad un anno fa esatto - e "Fifty Shades Darker" l'ho trovato migliore del precedente.

Regia di James Foley. Un film con Dakota Johnson, Jamie Dornan, Bella Heathcote, Kim Basinger, Luke Grimes. Uscita italiana: 9 febbraio 2017.

Trama: Anastasia Steele ha detto basta a Christian Grey. Lo ama, ma non sarà mai la sua sottomessa. Il secondo capitolo riprende esattamente là dove ci aveva lasciato il primo, con i due innamorati che si separano, per volere di lei. Grey è talmente addolorato che non vuole rinunciare ad Anastasia, piuttosto è disposto a rivedere il contratto, a dimenticare le regole, a non imporle nulla che lei non voglia fare, pur di averla al suo fianco. Cade così, a due minuti dall'inizio dal film, il presupposto scandaloso che regge da anni i discorsi attorno ai romanzi e al loro adattamento.

Con un regista nuovo, "Cinquanta sfumature..." e Mr. Grey cambiano. Come cambia la stessa Anastasia. 
Alla fine del primo film Anastasia, dopo l'ennesima "batosta" sessuale - vi prego, fatemi passare il termine, eheh - aveva lasciato Christian, da solo nel suo attico. 
La ritroviamo più adulta, più sicura di se', con un nuovo lavoro ma con un pensiero fisso: il suo principe oscuro.
Quel principe ritornerà alla carica e Ana non riuscirà a dirgli ancora di no... perchè se lei era succube di lui nel primo capitolo, adesso è innamorata ma sa cosa vuole o non vuole dal suo uomo e quest'uomo andrà contro la sua indole pur di averla accanto.
In questo secondo film troviamo, oltre alla parte hard, anche il romanticismo e il dramma, cose che invece erano mancate nel precedente.
Da spettatrice posso dire che la recitazione della Johnson è migliorata - fortunatamente non si morde solamente il labbro, anche se non disdegna di farlo in alcune occasioni - e Jamie Dornan è sempre un gran ben vedere, nonostante io sia ancora attaccata alla sua figura de "Il cacciatore" nella serie tv "Once Upon a Time".

Certamente non è un film che meriterebbe un Oscar, ma si fa guardare... e se, al cinema, vi fermate fino alla fine del film, dopo i titoli di coda - come spesso succede per i film della Marvel - vi è una succosa anticipazione: un teaser trailer del terzo e conclusivo capitolo della trilogia, "Cinquanta sfumature di rosso". Qui c'è stata una frase che mi ha immediatamente ricordato Twilight... sapete che "Fifty Shades" è nato come fanfiction della mia amata saga di Stephenie Meyer, vero?!
"Giuro solennemente di tenerti al sicuro finchè entrambi saremo vivi".
Vi lascio qui sotto la colonna sonora del film, non ho trovato un video ufficiale con le scene del film, ma la canzone merita anche da sola!

Ergo, ci vediamo a 
San Valentino 2018!

mercoledì 8 febbraio 2017

2/08/2017 06:53:00 PM 0

"Il tuo meraviglioso silenzio" di Katja Millay.

Questo romanzo era nella mia WL da quando uscì, ma l'ho sempre lasciato in disparte - porello - per leggere altri romanzi. La trama mi incuriosiva parecchio e quando l'ho trovato in sconto su Amazon non me lo sono lasciata scappare!

Titolo: Il tuo meraviglioso silenzio
Autore: Katja Millay
Pagine: 460
Edizione: Oscar Mondadori
ISBN: 9788804660712
Prezzo: € 14,00
Genere: New Adult
Voto: 4/5

Trama: Le sue dita non possono più correre sul pianoforte, il suo mondo pieno di note è diventato muto. Nastya era una promessa della musica, prima. Prima che tutto precipitasse, prima che la vita perdesse ogni significato. Da 452 giorni Nastya ha smesso di parlare, e il suo unico desiderio è tenere nascosto il motivo del suo silenzio. La storia di Josh non è un segreto: ha perso tragicamente i suoi cari, e solo nel recinto impenetrabile che ha costruito intorno a sé si sente al riparo dalla compassione degli altri e libero di dedicarsi in solitudine all'unica cosa che lo tiene in vita: intagliare il legno. Quando sembra non esserci più luce né speranza, Nastya e Josh si trovano e le sensazioni sopite esplodono dal corpo e dal cuore. Due lontananze si incontrano, cercando l'una nell'altra la forza per superare il passato e rinascere davvero.

Quando in un romanzo c'è tragedia e amore... io vado a nozze.
"Il tuo meraviglioso silenzio" è nato in self ed è diventato immediatamente un fenomeno!
In questo New Adult non si trovano scene bollenti o scontate, ma qualcosa che ti tocca in profondità il cuore e ti trascina a fondo con la protagonista, finchè non riesce a risalire e con lei lo fai anche tu.
Il POV è alternato: Nastya, ragazza appena maggiorenne che non parla (per scelta) e si veste in modo provocante per andare a scuola, e Josh, compagno di scuola della ns. lei che ha alle spalle molti lutti e vive in solitudine... entrambi sentiranno qualcosa che li lega, molto probabilmente un collegamento fatalista. Le vicende a cui entrambi sono sopravvissuti li ha segnati e spezzati, ma li ha anche resi più forti nonostante non ne siano ancora consapevoli.
Non so per quanto tempo restiamo nel pick-up di Josh, a tenerci per mano, circondati dal buio e da rimorsi non detti. Ma è comunque abbastanza da convincermi che non esiste al mondo una sola vicenda o un solo segreto a cui valga la pena di aggrapparsi più che alla sua mano.
La penna della Millay è potente e profonda; ha reso i suoi protagonisti indimenticabili grazie anche al loro sense of humor - il più delle volte black - e anche alla parte romance che non guasta perchè Nastya e Josh sono giovani ma hanno vissuto già abbastanza "schifo" nella loro vita, e solamente insieme potranno crescere interiormente, rinascere e vivere un nuovo sentimento che a loro era diventato oscuro.
Ho bisogno di sapere che c’è modo per la gente come noi di uscirne. Ho bisogno di convincermi che è davvero possibile stare bene, e magari non solo bene, ma benissimo; che esiste il modo, anche se non l’abbiamo ancora trovato. Dev’esserci per forza un finale migliore di questo. Una storia più felice. Perché ce lo meritiamo.
Ho letto questo romanzo con altissime aspettative e non ne sono rimasta delusa, nonostante ammetto che per il primo 30% facevo fatica a stare dietro agli atteggiamenti di Nastya, perchè volevo capire cosa le fosse successo, ma lei sembrava sempre distante ed indifferente... forse mi sono sentita come il ns. protagonista maschile Josh dove in gran parte della sua "relazione" con Nastya non ci capiva una cippa!
La storia narrata è comunque impostata benissimo, tutti i nodi vengono sciolti pian piano e tu riesci a metterti nei panni dei ns. protagonisti... e li amerai, come loro si amano a vicenda.
«Quando la vedi cosa provi? Gioia, paura, frustrazione, desiderio, amicizia, rabbia, bisogno, disperazione, amore?»
«Sì.»
«Sì, cosa?»
«Sì, tutto»

domenica 5 febbraio 2017

2/05/2017 11:25:00 AM 0

Andiamo al cinema? #76 (AnUnitedKingdom-L'amoreCheHaCambiatoLaStoria)

Questo film non era nella mia lista dei must see del 2017, ma causa cinema super affollato abbiamo optato per questo. Una storia d'amore, tratta da vicende vere, di due ragazzi che vivono a Londra, lei bianca e lui di colore, lei figlia di lavoratori e lui prossimo Re del Botswana.

Un film di Amma Asante con David Oyelowo, Rosamund Pike, Jack Davenport, Tom Felton.
Data di uscita italiana: 2 febbraio 2017.

Trama: 1947. L'erede al trono del Botswana Seretse Khama sta terminando gli studi di giurisprudenza a Londra quando si imbatte nell'impiegata inglese Ruth Williams. È amore a prima vista, e poiché Seretse deve tornare in Africa per assumere il ruolo di re, i due decidono di sposarsi. Ma il resto del mondo non sembra pronto per quel matrimonio fra un capo tribù africano e una suddita dell'impero coloniale inglese.

Al giorno d'oggi le coppie di etnie diverse sono il più delle volte accettate, ma alla fine della seconda guerra mondiale una coppia formata da una donna bianca ed un uomo di colore non era ben vista... e quando ci sono di mezzo anche gli interessi politici, la faccenda diventa davvero difficile da sostenere. Soprattutto per i due innamorati.

Seretse conosce Ruth a Londra, alla fine dei suoi studi di Legge. Lui ha passato molti anni in Inghilterra per diventare l'uomo che governerà il Botswana, uno Stato dell'Africa del Sud che, con il nome di Bechuanaland, fu protettorato britannico fino al 1966.
Quando Seretse racconta la sua vita a Ruth, lei, già irrimediabilmente innamorata di lui, decide che non le interessano le differenze di vita e di etnia ed abbandonerà tutto per andare in Africa con l'uomo che ama, come sua moglie... saranno la politica e le autorità britanniche a tentare di dividerli e di rendere il loro matrimonio non accettato, o accettabile.

Questo film, della durata di poco meno di due ore, ci racconta la storia d'amore in modo molto semplice e abbastanza romantico, facendoci conoscere la vera vita di Seretse Khama e Ruth Williams... questi ultimi sono solamente due pedine dello Stato Britannico, ma grazie alla loro determinazione riusciranno a superare i pregiudizi e ad avere un forte impatto sull'opinione pubblica, diventando così "un esempio di armonia razziale elogiato da Nelson Mandela" [Credits: MyMovies].



"...io amo il mio popolo, amo questa terra.
Ma amo anche mia moglie!"

sabato 28 gennaio 2017

1/28/2017 12:47:00 PM 0

Andiamo al cinema? #75 (CollateralBeauty/LaLaLand)

Ed eccomi qui dopo qualche giorno di silenzio radio con l'aggiornamento degli ultimi film visti al cinema. Due uscite che attendevo dalla fine dell'anno scorso e che non mi hanno delusa, anzi sono rimasta piacevolmente colpita.
Sto parlando di "Collateral Beauty" & di "La La Land", 
quest'ultimo candidato a ben 14 premi Oscar!

COLLATERAL BEAUTY. Un film di David Frankel, con Will Smith, Edward Norton, Kate Winslet, Michael Peña, Helen Mirren, Naomie Harris, Keira Knightley. Data uscita italiana: 4 gennaio 2017.

Trama: Howard è il manager di maggior successo di una grande azienda. Colpito dalla tragedia della morte della figlia di sei anni, non riesce a tornare a vivere. I suoi tre migliori amici e colleghi di lunga data vengono a sapere che ha scritto delle lettere, al Tempo, all'Amore e alla Morte, e assoldano tre teatranti perché impersonino queste entità astratte e dialoghino con Howard, scuotendolo e riportandolo alla consapevolezza che la sua vita non è finita. 

"Collateral Beauty" ha l'atmosfera natalizia, ma non è un film di Natale sopratutto perchè ruota attorno ad un tema che è sempre difficile da narrare: la morte prematura di una bambina. Il padre - Howard, interpretato da Will Smith - è in lutto e nulla sembra riesca a fargli tornare la voglia di vivere... di continuare a vivere, senza la sua figlioletta. Abbandona il lavoro, la moglie, tutto. Va in giro in bici per NY, spesso velocemente, di notte e in contromano, ma le auto lo scansano ogni volta e lui vive. Eppure scrive delle lettere a 3 entità astratte ossia l'amore, il tempo e la morte.
Gli amici e colleghi di Howard decidono così di ingaggiare 3 attori di teatro che dovranno interpretare queste entità, cercando di far rivivere il proprio amico.
Vi consiglio di andare a vedere questo film perchè è uno di quelli che forse vengono pubblicizzati troppo poco per la bellezza collaterale che riescono ad esprimere, minuto dopo minuto.

LA LA LAND. Un film di Damien Chazelle, con Ryan Gosling, Emma Stone, John Legend. Uscita italiana: 26 gennaio 2017.

Trama: Los Angeles. Mia sogna di poter recitare ma intanto, mentre passa da un provino all'altro, serve caffè e cappuccini alle star. Sebastian è un musicista jazz che si guadagna da vivere suonando nei piano bar in cui nessuno si interessa a ciò che propone. I due si scontrano e si incontrano fino a quando nasce un rapporto che è cementato anche dalla comune volontà di realizzare i propri sogni e quindi dal sostegno reciproco. Il successo arriverà ma, insieme ad esso, gli ostacoli che porrà sul percorso della loro relazione.

Questo film è un'esplosione di colori. E' tutto ciò che un musical dovrebbe avere: attori carismatici, ambientazioni magiche, musiche con un pizzico di classicità ma assolutamente moderne, il tempo che sembra fermarsi ma in realtà passa velocemente e le due ore di film sono già terminate. L'accoppiata Emma Stone/Ryan Gosling è stupefacente: amo entrambi gli attori singolarmente e li amo ancora di più insieme... un po' come DiCaprio e La Winslet in coppia <3
Si merita tutte le nomination che ha avuto agli Oscar e spero che ne porti qualcuno a casa... ancora una volta mi viene da pensare a Leo, in quanto anche "Titanic" era stato nominato ad altrettante statuette.
La storia d'amore raccontata non è banale, anzi parla dei sogni di due ragazzi che vogliono amarsi ma finiscono per amare ciò che vogliono fare nella vita... ed entrambi ci riescono. 
Inoltre ci sono tantissimi riferimenti all'epoca d'ora di Hollywood e a tutti i musical che hanno popolato quegli anni: West Side Story, Casablanca, Gioventù bruciata, Saranno famosi, Cantando sotto la pioggia, Moulin Rouge, Un americano a Parigi...

Consigliatissimo perchè non è solo canzoni e balli, ma c'è una storia tangibile e ben raccontata all'interno e non smetterete di pensare a Mia e Sebastian che ballano il tip tap!

lunedì 16 gennaio 2017

1/16/2017 08:36:00 PM 0

"Un amore eterno" di Lella Di Marino.

L'altro giorno mi è capitata sotto mano questa legge, la legge di Dirac [...]
Se due sistemi interagiscono tra loro e poi sono separati, non possono più essere descritti come due sistemi distinti, ma in qualche modo diventano un unico sistema.
Titolo: Un amore eterno
Autore: Lella Di Marino
Illustrazioni di: Antonella Falcioni
Pagine: 244
Edizione: selfpublishing
ISBN: 9788891192417
Prezzo: € 1,99 ebook - € 13,99 cartaceo
Genere: romanzo rosa
Voto: 4/5

Trama: Francesca e Santiago sono i protagonisti di una bellissima e travagliata storia d'amore degli anni 60. Il destino li vuole di nuovo insieme dopo vent'anni di sofferenze e gioie in una Parigi assonnata, ma che splende solo per loro. La passione e l'amore li travolge proiettandoli in un vortice inarrestabile fuori dal mondo reale. Niente e nessuno li fermerà. Qualcosa li separa, ma li farà incontrare nuovamente in un mondo diverso dove, giovanissimi, iniziano una nuova storia d'amore. Quello che li legherà per sempre rimarrà sulla terra natia come simbolo del loro amore.

Ho avuto la possibilità di leggere uno dei romanzi della scrittrice Lella Di Marino, madre della mia amica Ilaria Rodella. Un romanzo che celebra semplicemente l'amore, un amore eterno.

Francesca e Santiago sono i protagonisti di questa "eterna" storia d'amore. Lei italiana e lui cileno, si incontrano un giorno a Firenze davanti al David di Michelangelo, ed è immediatamente colpo di fulmine. Entrambi sentono questa attrazione, sia fisica che mentale, che li porta ad intraprendere questa storia d'amore.
Inizialmente tra i due sembrerà essere Francesca tra i due quella più innamorata, ma con il passare del tempo, e addirittura con il passare di molti anni - sì, perchè il loro amore sembra essere destino, fa il Fato giocherà contro di loro - anche Santiago ammetterà a se stesso di provare un sentimento veramente forte per la ragazza della sua adolescenza, ormai donna.

Un amore impossibile ma possibile, un amore forte che sfida spazio e tempo... leggendo l'epilogo capirete il perchè della scelta del titolo.

I personaggi sono ben caratterizzati, nelle parole della protagonista femminile, la quale è anche voce narrante, vi rivedrete quando vi siete innamorati per la prima volta, quando l'amore che sentivate per una persona poteva sembrare sbagliato ma era così giusto.
Ho apprezzato sicuramente la vena romance che non è mai stata ne troppo stucchevole ne piena di clichè, anzi è stata molto originale. Ho anche amato il cambio di location costante, dalla Toscana con la sua Firenze, fino a Parigi e arrivando a Santiago de Compostela.

"Un amore eterno" è un romanzo che si legge velocemente e attrae, così come Francesca è stata attratta da Santiago... dall'inizio alla fine. E voi crescerete con i due protagonisti, e vi innamorerete con loro.

Piccola chicca: all'interno delle pagine troverete alcune raffigurazioni di quadri che vengono descritti con le parole di Lella, quadri di Antonella Falcioni.

Adesso appartenevo a lui anima e corpo, dopo tanti anni il mio sogno si era finalmente avverato. 

sabato 14 gennaio 2017

1/14/2017 06:47:00 PM 1

"Life is Love" di Claire Contreras.

Non so cosa mi abbia spinto a leggere questo romanzo. Sicuramente non la copertina perchè, come spesso accade, quella italiana è peggiore di quella originale. Forse il titolo? Non so, però ne ero attirata. "Life is Love" è un romance che si presenta semplicemente per quello che è, ma nella trama c'era qualcosa che mi incuriosiva e, a lettura ultimata, posso dire che ne sono rimasta piacevolmente colpita!

Titolo: Life is Love
Serie: Hearts Series #1
Autore: Claire Contreras
Pagine: 320
Edizione: Newton Compton Editori
ISBN: 978-88-541-9473-1
Prezzo: € 9,90 (cartaceo) - € 4,99 (ebook)
Genere: Contemporary romance
Voto: 5/5

Trama: A distanza di un anno dall’improvvisa e tragica morte del suo fidanzato, Estelle stenta a far ripartire la propria vita e, per cercare di superare il dolore, decide di trasferirsi per un po’ da suo fratello Vic. Appena arrivata, si ritrova faccia a faccia con Oliver, il suo primo grande amore, ed Estelle sente il cuore tornare a battere forte anche dopo così tanto tempo. Oliver, il migliore amico di suo fratello, per lei era il principe azzurro, il ragazzo dei sogni, ma lui l’ha trattata sempre e solo come una sorellina da proteggere e nulla di più. Ciò che Estelle non sa è che anche Oliver era terribilmente attratto da lei, ma aveva deciso di ignorare i propri sentimenti per non perdere l’amicizia di Vic, il quale non avrebbe tollerato avances nei confronti della sorella. Adesso però lei è tornata in città e sono entrambi adulti e indipendenti... Oliver è deciso a prendersi ciò che ha sempre desiderato, ma Estelle non è più la ragazzina spensierata di un tempo: ha sofferto molto e neppure lei sa come coltivare, nel suo cuore ormai arido, l’idea di una seconda possibilità...

Questo è uno di quei romanzi a cui non avrei dato un' euro ed invece ne vale un sacco!
Claire Contreras ci porta con lei nella vita di Estelle, una giovane artista, che ha da poco perso l'uomo con cui era fidanzata: con lui condivideva la casa, la galleria d'arte, l'amore. Nonostante il grande vuoto che sente Elle dentro di sì, non si piange addosso ma riprende in mano la propria vita e a spronarla a farlo, anche se lei all'inizio non l'ammetterà mai, è Oliver: il primo amore di Elle, il migliore amico di suo fratello, come un figlio per i propri genitori. Il ns. attraente medico pediatra è affascinante, intelligente, sexy, altruista ma è anche caparbio, un lupo travestito da agnello eppure Elle non riesce a stargli lontana.

Oliver è stato il primo a far conoscere alla ns. protagonista cos'è l'amore ma anche cos'è il mal d'amore, cos'è la vicinanza ma anche cos'è la lontananza, ma lei ne era innamorata... e forse lo è ancora?
Il primo ragazzo di cui mi sono innamorata mi intratteneva con racconti di re e regine, di guerre e di pace, e di come un giorno sperava di trovare una ragazza per la quale diventare un cavaliere dalla lucente armatura [...] Mi ha insegnato cosa si prova a essere accarezzate e baciate con passione. In seguito mi ha anche insegnato il dolore che si prova quando si perde una persona a cui si vuole bene. L’unica cosa che ha dimenticato di insegnarmi, dopo aver spezzato l’ultimo frammento rimasto del mio cuore, è stata come affrontare questo dolore che mi stringe il petto.
Estelle e Oliver insieme creano una reazione chimica, una combustione. La loro carica sessuale è palese e si percepisce all'interno del libro, ma anche il loro amore è lampante.
Ho paura di lasciarmi andare e trovarmi in qualcosa più grande di me. Ma ho anche paura del contrario.
Il POV si presenta doppio - lei al presente e lui al passato - e il linguaggio usato dalla Contreras è fresco, accattivante e mai banale. Ho apprezzato moltissimo le descrizioni alquanto visive di cui è costellato l'intero romanzo; anche nelle scene più hot (perchè ce ne sono e anche di esplicite!) non è mai stata scurrile o sgradevole, anzi... mi ha fatto più volte sentire le farfalle nello stomaco e ha fatto innamorare anche me di Oliver. Devo aggiungere anche lui alla lista delle mie crash libresche.

"Life is Love" l'ho letto molto velocemente e per me, che sono una lumachina nella lettura, è tutto dire!

Se avete voglia di una storia d'amore 
passionale ed autentica 
è il romanzo che fa per voi!

Discaimer.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarmelo via email (gina87@alice.it) e saranno immediatamente rimossi. Non sono, inoltre, responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.